Cosa ho imparato da Giuliano Dottori

Ho deciso di andare al Milano Film Festival perché al contrario di quello che credono molti non è una manifestazione che interessa esclusivamente la Settima Arte ma anche la musica. Proprio quest’ultima, infatti, è stata la mia vera meta e grazie al festival ho potuto godere di un magnifico live, in mezzo a Parco Sempione, di Giuliano Dottori, un cantautore italiano che forse non gode della fama che merita ma che ho sempre amato – e tuttora amo-  perché credo che ciascuno di noi abbia qualcosa da imparare da lui. Personalmente mi ha dato tantissimo, questo è tutto quello che ho imparato da lui e che penso che in molti dovrebbero apprezzare:

Abbi fiducia nel prossimo

Giuliano si è affidato e fidato più volte alle persone che lo circondano, anche e soprattutto degli sconosciuti, facendo partire campagne crowdfunding per la realizzazione alcuni suoi album e altri progetti, questo non può che essere uno stupendo esempio di come da soli talvolta non si riesce a farcela totalmente ma con un piccolo sostegno si possono fare grandi cose. Le persone non sono poi così cattive come si crede, in fondo.

Mettiti in gioco sempre

Spesso coinvolto in progetti molto diversi tra loro: dai video su Youtube alle collaborazioni, dai festival al suonare per strada con massima tranquillità, ai live in radio nel bel mezzo di un programma; non si è mai tirato indietro a nulla e ha proseguito per la sua strada senza tregua, sempre in continua evoluzione ma sempre focalizzato sul suo percorso e il suo grande amore: la musica.

La semplicità vince sempre

Le sue canzoni sono di una semplicità disarmante ed è proprio questo a renderle uniche e toccanti. Il suo linguaggio talvolta può sembrare quello di un bambino ed è esattamente questo che fa arrivare le sue canzoni dritte al cuore, senza tanti giri di parole.

La realtà che ti circonda è magica

Il padre falegname, il cielo illuminato, i palazzi intorno a noi, le strade di Milano… Il suo singolo Le vite degli altri è forse ciò che per antonomasia incarna tutto questo: tutto ciò che ci circonda è affascinante, ha da raccontare una storia, può dirci qualcosa – tutto quello che dobbiamo fare è semplicemente fare attenzione, osservare e cercare quanto più possibile di fare tesoro del nostro quotidiano imparando a goderne.

Sii gentile, sii grato e sorridi sempre

Sempre disponibile, in ogni momento disposto a raccontare di sé e del suo lavoro attraverso la sua musica, un post su Facebook o un semplice video. In ogni occasione grato a chi lo sostiene, a chi lavora con lui, anche solo con un’immagine che mostri i suoi collaboratori o i suoi work-in-progress. Ma soprattutto, sempre disposto a regalare un sorriso a chiunque incontri a prescindere da chi sia.

E adesso l’unica cosa che resta è perdervi nella sua musica.

gd

2 pensieri su “Cosa ho imparato da Giuliano Dottori

  1. Una volta mi vantavo di conoscere un sacco di cantautori, ovviamente “di nicchia”, che se hai fatto l’artistico e belle arti poi devi conoscere quasi solo quelli “di nicchia”.

    Ora invece prendo consigli dalle blogger appena trovate, mi hai convinta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...